“Ex Collegio dei Gesuiti di Catania abbandonato all’incuria”. Presentata interrogazione parlamentare

Nella Via Crociferi di Catania, storica strada famosa in tutto il mondo per la presenza di numerose chiese di stile barocco siciliano, sorge l’ex Collegio dei Gesuiti, un complesso monumentale costruito nel ‘700 e definito “l’edificio della Compagnia di Gesù più bello e mastodontico in Sicilia”.

Per anni l’edificio è stata sede dell’Istituto Statale d’Arte che, fondamentalmente, ha permesso la fruizione al pubblico di una parte della struttura. Nel 2009, dopo una lunga vicenda giudiziaria scandita da sfratti, ricorsi e contro ricorsi, la Regione siciliana è tornata ad avere il pieno possesso dell’intera struttura che forma l’ex Collegio dei Gesuiti. A seguito di questo evento, l’Assessorato ai Beni Culturali promise un’immediata ristrutturazione dell’edificio, tra l’altro destinato a divenire la nuova sede della Biblioteca regionale Universitaria. I fondi per tale ristrutturazione erano stati individuati (e destinati) nel POR 2000-2006.

Alla data odierna, di tale ristrutturazione (e dei relativi fondi) non vi è più traccia.

Su questa vicenda è intervenuto con un’interrogazione parlamentare, indirizzata al Presidente della Regione e all’Assessore regionale dei Beni Culturali, il Vicecapogruppo del PdL all’Ars, On. Salvo Pogliese.

“L’intera struttura – spiega il Parlamentare nell’interrogazione Рè stata abbandonata al suo destino e ciò ha causato l’intervento della Sovrintendenza ai Beni Culturali, la quale, dopo avere constatato il grave stato di degrado e il crollo di una parte del soffitto, ne ha dichiarato l’inagibilità. Sembra incredibile che una struttura monumentale come l’ex Collegio dei Gesuiti di Catania, di proprietà della Regione, rischia di crollare per colpa di negligenze e iter burocratici elefantiaci, nonostante la stessa struttura barocca sia inserita come sito di massimo interesse culturale e storico dai più grandi tour operator turistici mondiali”.

Pogliese chiede, quindi:”quali sono i motivi che hanno impedito l’inizio dei lavori di ristrutturazione dell’ex Collegio dei Gesuiti di Catania, se i fondi destinati a tale opera di ristrutturazione siano ancora nella disponibilità dell’Assessorato regionale dei Beni Culturali e se non ritengano inammissibile che in Sicilia, terra visitata ogni anno da milioni di turisti per la sua cultura, storia e tradizione, un bene architettonico di valore inestimabile venga abbandonato all’incuria ed alla desolazione”.

 

 

Comments & Responses

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>