“I sistemi elettorali e la fiducia dei cittadini: partecipare per contare davvero”. Ieri incontro del circolo PdL ‘Oltre lo Stretto’

Sistemi elettorali, primarie, e maggiore partecipazione dei cittadini alla vita politica e dei partiti. Sono stati questi i temi, quanto mai attuali e sentiti, trattati nell’incontro che il circolo del Pdl “Oltre lo Stretto” ha organizzato mercoled√¨ 26 presso la propria sede di Catania, con relatori la prof.ssa Ida Nicotra, l‚Äôavvocato Nello Pogliese e l‚Äôon. Salvo Pogliese.

Un numeroso e attento pubblico ha ascoltato gli interventi e partecipato alla discussione con domande e riflessioni. La prof.ssa Ida Nicotra, ordinario di Diritto Costituzionale dell‚ÄôUniversit√† di Catania, ha sapientemente tratteggiato le strutture portanti del sistema elettorale vigente, il cosiddetto “porcellum”, le sue differenze con il “mattarellum,” e le caratteristiche peculiari del sistema spagnolo, argomento caldo della cronaca politica nazionale, che prevede un proporzionale accentuato con l’incremento del numero delle circoscrizioni, cos√¨ da consentire un numero molto basso di rappresentanti eletti in ogni singola circoscrizione .

Brillante e appassionante come sempre l’avvocato Nello Pogliese nel suo intervento ha analizzato l’attuale situazione politica italiana, e i suoi possibili sbocchi, facendo un pregnante parallelismo con altri periodi politicamente turbolenti della storia della Repubblica, e soffermandosi convintamente sulla necessit√†, ormai inderogabile, di aumentare la partecipazione dei cittadini alla vita politica e partitica come soluzione agli stalli e criticit√† dell‚Äô attuale situazione politica.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento dell‚Äôon. Salvo Pogliese, vice capogruppo del Popolo della Libert√† all’Ars, che ha rilevato come “oggi pi√π che mai, in una situazione complessiva di grande confusione politica, occorrono segnali di discontinuit√† come l‚Äôistituzione delle primarie, affinch√® sia data alla gente la possibilit√† di scegliere e far sentire la propria voce, e attraverso l‚Äôadozione di un codice etico per le candidature nei partiti. Vi √® necessit√† di accorciare drasticamente la distanza, che oggi i cittadini avvertono come incolmabile, tra loro e la politica.”.

 

 

 

 

 

 

 

Comments & Responses

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>