Dopo la sentenza della Corte Ue sui migranti si proroghi il piano dei ricollocamenti oltre il 26 settembre 2017

“Il peso dell’emergenza immigrazione non può essere lasciato solo sulle spalle di Italia e Grecia e gli altri paesi dell’Unione europea non possono continuare a sottrarsi ai loro obblighi e vincoli comunitari come fanno ormai da troppo tempo.”.

Lo dichiara l’on. Salvo Pogliese, parlamentare europeo di FI-PPE e membro della Commissione LIBE di Bruxelles, commentando la sentenza con cui la Corte Ue ha respinto i ricorsi presentati da Slovacchia e Ungheria sulla ricollocazione dei migranti.

“L’Unione Europea si era impegnata a raggiungere il traguardo di 160 mila ricollocamenti di migranti richiedenti asilo dall’Italia e dalla Grecia, verso gli altri Stati membri, entro il settembre 2017, ma a oggi ciò non è avvenuto. I ricollocamenti effettuati al luglio 2017 sono di soli 7873 migranti dall’Italia e di 16803 dalla Grecia. Cifre ridicole che testimoniano il disinteresse degli altri Paesi europei. Ciò non è più tollerabile, l’Unione deve fare la propria parte come espressamente richiesto dalla risoluzione del Parlamento europeo del 18 maggio 2017 che esorta gli Stati membri ad adempiere ai loro obblighi, e a ricollocare i richiedenti asilo dalla Grecia e dall’Italia, fino a quando tutti i soggetti non saranno stati ricollocati in modo efficace. La risoluzione sottolinea altresì che gli obblighi giuridici degli Stati membri non devono venire meno dopo il 26 settembre 2017 e che gli Stati membri sono tenuti, anche dopo tale data, a trasferire tutti i richiedenti ammissibili giunti fino a quel momento. E’ quindi improrogabile, come ho richiesto nel mese di luglio con un’interrogazione al Parlamento Ue, non solo incrementare i ricollocamenti dei migranti – conclude Pogliese – ma anche avviare immediatamente le procedure d’infrazione verso gli Stati che non adempiono quanto stabilito da Bruxelles.”.

Comments & Responses

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>