La decisione di Maroni di trasferire Lombardia call da Paternò rappresenta un durissimo colpo per i lavoratori siciliani

“La scellerata decisione di Maroni di trasferire il call center Lombardia call da Paternò ad una nuova sede in Lombardia si tradurrà in un dramma occupazionale per il territorio della provincia di Catania e, nello stesso tempo, peserà sui cittadini lombardi in termini di riduzione della qualità del servizio ed aggravio delle spese.”.

Lo dichiara l’on. Salvo Pogliese, vice presidente dell’Assemblea regionale siciliana, intervenendo sulla decisione del presidente della Regione Lombardia Maroni di trasferire il call center Lombardia call, che gestiste le prenotazioni per la sanità lombarda, dall’attuale sede di Paternò a una nuova sede in Lombardia.

“La scelta di Maroni di trasferire il call center – spiega il vice presidente dell’Ars Рè errata sia dal punto di vista amministrativo, poiché rappresenterà un ingente aggravio di circa dieci milioni di euro per le casse della Regione Lombardia, sia dal punto prettamente gestionale, avendo il management e il personale di Lombardia call della sede Paternò raggiunto un elevatissimo standard qualitativo e professionale. Siamo innanzi infatti a lavoratori diplomati e laureati con esperienza quinquennale nel settore, realisticamente difficilmente reperibili in Lombardia per questa tipologia di impiego e livello di retribuzione.”.

“Pur comprendendo le esigenze di ‘marketing elettorale-territoriale’ del presidente Maroni – conclude Pogliese Рlo esorto a desistere su una decisione che si tradurrebbe in un pessimo servizio, sia economicamente che qualitativamente, per i cittadini lombardi e in un durissimo colpo per i lavoratori siciliani.”.

Comments & Responses

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>