L’aumento del 600% del canone marittimo metter√† in ginocchio il comparto turistico-balneare siciliano

“L’Aumento del 600% del canone annuo relativo alle concessioni di beni demaniali vuol dire strangolare il settore turistico-balneare siciliano e spingere al fallimento molte aziende e operatori.”.

Lo dichiara l‚Äôon. Salvo Pogliese, vicepresidente dell’Ars, in merito alla decisione della Regione siciliana d‚Äôinnalzare il costo dei canoni per le concessioni balneari del 600% rispetto all‚Äôanno scorso.

“L’aumento così sproporzionato del canone – spiega Pogliese Рoltre a mettere in ginocchio l’intero comparto potrebbe determinare (secondo un principio basilare e consolidato dell’economia) anche un drastico calo delle entrate per la Regione siciliana. Basti considerare quanto accaduto nel settore della nautica italiana che, a causa del pesante incremento della tassazione voluto dal Governo Monti, ha dovuto fare i conti in poco tempo con 30mila barche in fuga dai porti italiani, la perdita di 600 milioni di euro e 20mila posti di lavoro, determinando un conseguenziale abbattimento del gettito fiscale verso le casse dello Stato, visto che dei 115 milioni di euro che si attendevano ne entrarono, al 31 maggio 2012, soltanto 23,5 ossia il 15 per cento.”.

Comments & Responses

One Response so far.

  1. Dopo 14 anni negli USA ero ritornato in Sicilia con la speranza di dare un piccolo contributo alla mia terra. Come amministratore dello stabilimento balneare con la concessione piu estesa in Sicilia, inviterei l’Assessore al Territorio Ambiente a visitare la nostra realta’, toccare con mano la crisi che ha ridotto le nostre aziende sul filo del fallimento, ed aiutarmi a capire dove trovare i 400.000 euro annui in piu’ da versare per il 100 giorni scarsi di attivita’ annui.

    Noi non vogliamo speculare sulle risorse comuni – venite pure a farci i conti in tasca per rendervi conto che in questo modo possiamo solo restituire le concessioni alla regione, annullando il gettito dai canoni demaniali.

    Ing. Daniele Micci Barreca

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>