Salvo Pogliese (Fi-Ppe): “Tutelati gli impegni assunti a favore dell’Italia nella gestione della crisi dei migranti.”

“Con il voto odierno – in merito alle misure temporanee nel settore della protezione internazionale a beneficio dell’Italia e della Grecia – il Parlamento europeo si è espresso chiaramente contro la proposta della Commissione europea che prevedeva la possibilità per gli Stati membri di detrarre il numero di Siriani reinsediati dalla Turchia dal numero di persone che lo stato membro si è impegnato ad ospitare in virtù degli accordi di ricollocamento.” A dichiararlo è Salvo Pogliese, deputato europeo di Forza Italia che ha lavorato su questo dossier in qualità di Relatore del PPE.

“Abbiamo approvato una risoluzione legislativa nella quale si sottolinea che il reinsediamento non deve avvenire a scapito dei ricollocamenti dei richiedenti asilo attualmente ospitati nel nostro Paese. La proposta della Commissione – spiega Pogliese – nasce a seguito dell’accordo Ue-Turchia, grazie al quale la Grecia ha beneficiato di un’oggettiva diminuzione degli sbarchi mentre la situazione per l’Italia rimane invariata e, anzi, rischia di peggiorare. La chiusura della rotta Balcanica ha di nuovo spostato i flussi migratori irregolari verso il Mediterraneo centrale. Inoltre, gli ultimi dati pubblicati dalla Commissione europea – sottolinea l’eurodeputato Siciliano – ci dicono che sono stati ricollocati dall’Italia solamente 1.064 persone, mentre, dalla Grecia, sono state ricollocate solamente 3.712. Si tratta di un totale di 4.776 persone a fronte delle 160.000 previste dagli impegni assunti dal Consiglio. Per risolvere la crisi dei migranti dobbiamo continuare sulla strada della condivisione delle responsabilità e dei costi tra gli Stati membri dell’Unione. Il nostro compito di deputati europei – conclude Pogliese- è quello di spingere la Commissione e il Consiglio a fare in modo che questo avvenga, vigilando sul rispetto degli impegni assunti e tutelando il nostro interesse nazionale. Ritengo che in questo caso ci siamo riusciti anche se ora spetta al Governo Renzi realizzare risultati concreti.”

Comments & Responses

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>